“Non ho mai insultato nessuno”

Pubblicato: 09/07/2011 in fun, politica

E’ quanto il nostro giovane premier ha dichiarato ufficialmente giovedì a Roma. Si vede che termini come ‘mentecatto’, ‘imbecille’ e ‘coglione’, per lui sono graziosi complimenti. Meglio tenerlo a mente, non sia mai vogliamo fare brutta figura quando lo incontriamo da vicino.

Per la cronaca ecco un elenco dei non-insulti posticci, con tanto di presunto turpiloquio evidenziato, che ha proferito il capo del non-govero italico:

Imbecilli
”Pensavamo ci fossero tanti imbecilli in circolazione, quello che non immaginavamo è che fossero cosiì imbecilli da autodichiararsi pubblicamente”, per replicare al centrosinistra che lo ha criticato dopo aver definito il presidente Obama “abbronzato, anzi abbronzatissimo”, 7 novembre 2008

Kapò
“Siete turisti della democrazia, in Italia stanno preparando un film sui campi di concentramento nazisti, la proporrò’ per il ruolo di kapò” rivolgendosi a Martin Schulz, capogruppo tedesco dei socialisti democratici che lo criticava su conflitto di interessi e giustizia, 2 luglio 2003

Coglioni
”Grazie a tutti, siete commoventi e state sicuri, domenica e lunedì’ vinceremo perché’ non siamo coglioni” dal palco del comizio di Napoli e anche dal balcone della prefettura, 7 aprile 2006

“Ho troppa stima per l’intelligenza degli italiani per credere che ci possano essere in giro tanti coglioni che votano per il proprio disinteresse” intervento alla Confcommercio, 6 aprile 2006

“Veltroni è un coglione”, 3 settembre 1995

Rompicoglioni

”Mi devi dire come fa uno che parla da dieci ore a concentrarsi se tu gli rompi i coglioni” a un fan troppo entusiasta sotto il palco di Chieti, 9 aprile 2008

“Mi hai rotto i coglioni. Ora a Mediaset nessuno ti attacca. Ma, se continui così, te ne accorgerai. Vedrai come ti tratteranno le mie tv” rivolto a Follini, 11 luglio 2004.

Matti
”Se i cittadini non dovessero confermare un sindaco e un buon governo che hanno operato cosi’ bene…dovrebbero essere ricoverati per infermità’ mentali tutti” a Palermo in vista delle elezioni amministrative, 5 maggio 2007

“Questi giudici sono doppiamente matti! Per prima perchè lo sono politicamente, e secondo sono matti comunque. Per fare quel lavoro devi essere mentalmente disturbato, devi avere delle turbe psichiche. Se fanno quel lavoro è perché sono antropologicamente diversi dal resto della razza umana” in un’intervista rilasciata al direttore di The Spectator, 5 settembre 2003

Mentecatti

“Buttiglione, firmando la mozione di sfiducia al governo Berlusconi insieme con Bossi, si dimostra un mentecatto doppiogiochista”, 18 dicembre 1994

“Il centrosinistra? Mentecatti, miserabili alla canna del gas”, 4 aprile 2000

Dissociati mentali
“E’ un dissociato mentale, sfasciacarrozze” parlando di Umberto Bossi, 25 febbraio 1995

Maleodoranti e malvestite

“Essendo costretti a venire in Parlamento devono andare in bagno e sono costretti a farsi la barba, ma non è che si lavino molto” dal palco di Crotone, 10 maggio 2011

“I candidati della sinistra: vecchi arnesi, assenteisti, incolti, impreparati, maleodoranti e malvestite” intervista al TG3, aprile 2009

Postribolo
“Sto vedendo una trasmissione disgustosa, una conduzione spregevole, turpe, ripugnante. Avete offeso aldilà del possibile la signora Nicole Minetti, che invece è una splendida persona intelligente, preparata, seria. Vale molto di più delle cosiddette signore presenti. Invito cordialmente l’onorevole Iva Zanicchi ad alzarsi e a venire via da questo incredibile postribolo televisivo”. Telefonata a L’Infedele di Gad Lerner, 24 gennaio 2011

Stronza

“Lei ha una bella faccia da stronza!” alla signora riminese Anna Galli, che lo contestava, 24 luglio 2003

Stronzate
“Prima delle elezioni ho potuto incontrare due sole volte in tv il mio avversario, e con soli due minuti e mezzo per rispondere alle domande del giornalista e alle stronzate che diceva Prodi”, alla scuola di formazione politica di Forza Italia, 2 luglio 2007.

Ladri

Con Prodi a Palazzo Chigi è giusto dire: “piove governo ladro”, 10 aprile 2008.

“La Bindi e Prodi sono come i ladri di Pisa: litigano di giorno per rubare di notte”, 29 settembre 1996

Traditore
”Chi non sosterrà il governo sarà segnato per tutta la vita dal marchio del tradimento e della slealtà”, videomessaggio sul sito dei Promotori della libertà, 27 novembre 2010

“Fini è quasi traditore”, La Repubblica, 20 marzo 2009

“Bossi è un Giuda, traditore, ladro con scasso di voti, ricettatore, truffatore, doppia, tripla, quadrupla personalità. Un pataccaro”, 27 gennaio 1995

“Il presidente Scalfaro è un serpente, un traditore, un golpista”, La Stampa, 16 gennaio 1995

Golpisti eversivi
“Giustificata la nostra richiesta di una commissione d’inchiesta per accertare l’esistenza di una associazione a delinquere a fini eversivi nella magistratura”, alla convention Pdl di Michela Brambilla, 16 aprile 2011

“La magistratura è una forza eversiva che rischia di portare il paese sull’orlo della guerra civile”, 26 novembre 2009

“L’anomalia italiana sono i pm comunisti e i giudici di Milano” in collegamento con Ballarò, 27 ottobre 2009

“Magistrati rossi che usano la giustizia a fine di lotta politica”, 7 ottobre 2009

“Giudici sovversivi, che sovvertono la volontà popolare”, 28 giugno 2009

“Ci sono grumi eversivi dentro la magistratura”, assemblea Confesercenti, 28 maggio 2009

“In Italia c’è uno Stato manifesto, costituito dal governo e dalla sua maggioranza in Parlamento, e c’è uno Stato parallelo: quello organizzato in forma di potere dalla sinistra nelle scuole e nelle università, nel giornalismo e nelle tv, nei sindacati e nella magistratura, nel Csm e nei Tar, fino alla Consulta. Se si consentirà a questo Stato occulto di unirsi allo Stato palese, avremo in Italia un regime vendicativo e giustizialista, mascherato di legalità e ostile a tutto ciò che è privato”, 5 aprile 2005

“In tutti i settori ci possono essere corpi deviati. Io ho una grandissima stima per la magistratura, ma ci sono toghe che operano per fini politici. Sono come la banda della Uno bianca” , dopo l’arresto del giudice Renato Squillante, 14 maggio 1996

Gay
“Meglio essere appassionati di belle ragazze che essere gay” inaugurazione del Salone del ciclo e motociclo, 2 novembre 2010

“Mi hanno detto di tutto, ci manca solo che mi dicano che sono gay” in un ritornante a Portofino, 15 giugno 2009

Vaffanculo
“Ma vaffanculo!”, con tanto di gesto della mano, al presidente emerito Oscar Luigi Scalfaro che denunciava in Senato il «servilismo» della politica estera del governo nei confronti degli Usa sull’Iraq, 27 settembre 2002.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...