‘O cane mozzeca ‘o stracciato

Pubblicato: 14/03/2011 in calcio napoli

Guarda caso, dopo due settimane di polemiche arbitrali da parte della società partenopea che avrebbero potuto far pensare ad un complotto architettato dai vertici rossoneri… pardon, da quelli della lega calcio… pardon, da quelli del governo con conseguente perdita di consensi, cosa succede? Il Napoli ha finalmente un episodio dubbio a favore! Contro chi però? il parma! Che è impossibilitato nel leccare il culo alla lega calcio (non ha alcun giocatore di livello da barattare con favori arbitrali). Da cui il titolo di questo articolo. Il Napoli ieri ha comunque vinto meritatamente e un grosso plauso va a Walter Mazzarri, non tanto per l’aspetto tecnico tattico ma per quello “socio-politico”. Mi spiego meglio: in settimana (e c’è da scommetterci anche in quelle a venire) c’è stato un tam tam mediatico atto a destabilizzare l’ambiente napoli con notizie del tipo cavani al city per 60 milioni, hamsik al chelsea per 45, la società scarica lavezzi ecc. Spiccava la notizia di un possibile avvento del mister alla rubentus nella prossima stagione che è stata commentata da mazzarri senza dare un risposta certa. Questo ha portato tutta l’attenzione su di lui lasciando in pace la squadra che aveva bisogno di recuperare tranquillità. Grande mister! Un’latra menzione va a quel pitale (per non dire latrina) di raffaele palladino da mugnano che, da vero juventino di merda, a fine partita ha fatto gestacci contro il settore dei tifosi ospiti. Anche a lui è stato dedicato uno striscione la cui foto è riportata più in basso. Concludo annunciando una novità: “Le pagelle di Gozer”, dato che mi si accusa di non scrivere molto di mio sulla partita darò i voti ai giocatori. Di seguito prime pagine, recensioni, tabellini e video, oltre che le nuovissime pagelle.

Di classe, di impeto, di forza il Napoli rovescia il risultato nel secondo tempo e passa sul campo del Parma (3-1), ottava vittoria in trasferta, record nella storia azzurra. Terzo posto consolidato e difeso dall’assalto della devastante Udinese che rimane a -3, mentre l’Inter è a un passo (un solo punto avanti). Rinasce il Napoli dopo la sconfitta di Milano e il pari interno col Brescia. L’accende la pregiata ditta Lavezzi-Hamsik (un gol a testa e assist reciproci). Resta in ombra Cavani da 367 minuti senza gol, un po’ fermo su alcuni spunti offensivi, però quattro volte al tiro (uno solo nello specchio, debole).
Il Parma (un punto sopra la zona retrocessione) si esaurisce tutto nel primo tempo. Va all’assalto con Palladino (29’ in gol su corner, gran tiro al volo fortunato che trova lo spiraglio per insaccarsi), corre il doppio a centrocampo (si nota l’assenza del miglior Gargano: Yebda morde di meno), dilaga sulla fascia destra con Valiani e Candreva cui si aggiunge Palladino cambiando lato per sostenere la fascia dove il Parma ha miglior gioco, è attento in difesa. Il Napoli non riesce a manovrare, a far girare la palla, non arriva mai a centrare la porta di Mirante (13’ Lavezzi fuori, 35’ Maggio fuori). Solo Cavani centra la porta (40’) ma con un tiro debole.
Il primo tempo è appannaggio del Parma, ma il Napoli sa ridurre i danni. Santacroce gioca troppo d’anticipo, rischia ma tiene. Ruiz, a sinistra, comincia con un paio di lanci sbagliati, ma si riprende. Cannavaro addomestica il toro bulgaro Bojinov, un’altra “vittima” del suo splendido campionato. De Sanctis non deve fare prodezze, pronto però nelle uscite. Dalla tribuna Mazzarri (squalificato) manda ordini perché Zuniga si abbassi (difesa a quattro) perché bisogna chiudere la fascia dove il Parma insiste di più. Alla fine del tempo, il Napoli dà i primi squilli di riscossa con due cross pericolosi dalla sinistra. Sul traversone di Hamsik, Lucarelli anticipa d’un soffio Cavani sotto porta salvando in angolo. Sul cross di Zuniga, Cavani ruba il tempo a Lucarelli ma viene murato da Dzemaili.
Nel secondo tempo è un’altra partita che prende la sua svolta in un quarto d’ora. Lavezzi ingrana la marcia e Hamsik cresce di tono. Devasteranno la difesa parmense. Gli emiliani pagano le grandi corse del primo tempo, non filtrano più a centrocampo, perdono il controllo in difesa. Lavezzi va come una furia sulla destra, semina Paci e scaglia un cross basso: Hamsik, alle spalle di Valiani e Zaccardo, tocca in gol da un metro (52’). Fuorigioco non ravvisato dall’arbitro. Non se ne accorgono neanche i difensori del Parma. Pareggio azzurro e palla al centro.
Ma ormai Lavezzi ha acceso il turbo e Hamsik si esalta per il gol. Il Parma geme su tutto il fronte, non ha più energie, sbanda e si consegna al Napoli, squadra padrona, squadra superiore. Passano solo cinque minuti per il raddoppio. Combinazione veloce Lavezzi-Hamsik-Lavezzi e il Pocho, entrando in area quasi rotolando sul pallone, infila Mirante (57’). Due colpi da kappaò, ma arriva anche il terzo. Rosso diretto per Galloppa (59’ entrata a gamba tesa su Hamsik). Dove sono più i complotti e gli arbitri contro?
Parma in dieci nell’ultima mezz’ora e perde anche la fiducia perché non ha più corsa. Crespo sostituisce Bojinov (60’), poi Giovinco per Candreva (68’). Il Napoli ha la partita in pugno. L’ha giocata con una difesa inedita per la squalifica di Aronica e l’indisponibilità di Campagnaro. Dentro Santacroce e Ruiz ai lati di Cannavaro. A centrocampo riposo per Gargano: c’è Yebda. All’ultimo momento recupera Maggio e c’è Zuniga a sinistra (Dossena squalificato). La novità più importante è il ritorno di Lavezzi dopo le tre giornate di squalifica. E il Pocho rientra di gran carriera. Il Parma non c’è più e il Napoli lo martella da tutti i lati. Ora Zuniga riprende la sua posizione più avanzata. De Sanctis deve sventare un solo pericolo, una perfida punizione di Giovinco da sinistra (73’). E riprende la danza azzurra con Zuniga che spreca un contropiede due contro uno (lui e Cavani), sbagliando l’appoggio al Matador, e con Gargano che ne spreca un altro (78’ subentrato a Yebda) sbagliando l’ultimo passaggio. Il Parma balla. Finalmente Cavani molla un gran tiro, ma il “fulmine” da destra si spegne fuori (81’). Arriva il terzo gol per la pressione di Gargano al limite dell’area parmense. Ruba palla, ha un rimpallo favorevole su Paci e il pallone schizza nell’area emiliana dove Maggio s’avventa per il tris (87’).
Insignificanti le sostituzioni finali: 84’ Cribari per Santacroce infortunato, 88’ Pisano per Modesto, 91’ Mascara per Hamsik. Il Napoli finisce passeggiando nella metà campo del Parma dove ha giocato quasi tutta la ripresa. Hamsik è tornato al gol dopo 570 minuti. Lavezzi non segnava dalla trasferta di Bari (23 gennaio). De Sanctis, stavolta ordinaria amministrazione, si conferma secondo portiere meno battuto nel girone di ritorno (6 gol in dieci partite, pesano i tre del Milan).
Napoli ritrovato e in salute. E’ la sola squadra ad avere battuto una formazione in lotta per la salvezza: il Milan ha pareggiato col Bari, l’Inter a Brescia, la Juventus a Cesena. Si lotta per entrare direttamente in Champions. La Lazio si è allontanata a 5 punti, la Roma è a 7. C’è la sfida lanciata dall’Udinese (4-0 a Cagliari, 7-0 a Palermo). I friulani non perdono da 12 partite (33 gol a 9). Ma devono venire a giocare a Napoli, fra quattro turni.

MIMMO CARRATELLI

LE PAGELLE DI GOZER

De Sanctis – 6,5 All’inzio ci mette una pezza su palladino e salva sul finale 2 volte. Incolpevole sul gol subito in piena area affollata. Meriterebbe 7 ma mezzo voto in meno per alcune uscite smanacciando alla meno peggio.

Santacroce – 5,5 di incoraggiamento perchè alla fine si è vinto. Nel primo tempo soffre molto palladino e sbaglia nel lasciarselo scappare sul gol. Meriterebbe un 3 per la scelta del barbiere ma questo esula dalla partita.

Cannavaro – 6,5 Ha il merito di annullare bojinov prima e crespo poi. Pochi errori mostrando sicurezza e incoraggiando così l’esordiente…

Ruiz – 6,5 Si dice che soffra la nostalgia di casa ma l’esordio in campionato è migliore di quello in coppa. A fine partita ha dato a molti l’impressione di non aver giocato per quanto poco si è visto e questo vuol dire che ha svolto benissimo il proprio compito. ISPANICO! ISPANICO! ISPANICO!

Maggio – 6,5 Meriterebbe 7 per il gol che ha cercato con insistenza e per l’inesauribile spinta sulla destra ma gli tolgo mezzo voto per quelle proteste stupide nel primo tempo che gli costano ammonizione e squalifica per la gara col cagliari.

Yebda – 6 Sempre presente in mezzo al campo per spezzare le azioni avversarie ma bisognerebbe spiegargli che il retropassaggio non è l’unico modo di giocare.

Pazienza – 6,5 Cerca di metterci sempre una pezza quando si difende e di impostare nelle ripartenze. Credo che prandelli lo premierà con una convocazione (anche se spero di no)

Zuniga – 6,5 Ha il merito (o demerito, dipende dai punti di vista) di essere l’ideatore delle coreografie sui gol di lavezzi nonchè fa una più che dignitosa partita sulla sinistra, avvia i contropiede e  sfiora il gol in due occasioni.

Hamsik – 6,5 dovuto alla media matematica tra il 5 del primo tempo e l’8 del secondo. Memorabile le azioni in cui si prende gioco di valiani e dove segna in fuorigioco ma che sfugge pure agli stessi difensori parmensi. Per fermarlo sono costretti a prenderlo a calci volanti.

Lavezzi – 7 Non l’avrei mai detto ma in queste partite in cui è stato squalificato se ne è sentita la mancanza. Ha pure segnato! E’ stato il vero man of the match!

Cavani – 6,5 E’ stanchissimo e si vede, ma come tutti sanno se si vuole il male di una persona gli si deve augurare di traslocare. Il voto è dovuto al solito impegno che ci mette in tutte le fasi della partita.

Gargano – 6,5 entra a pochi minuti dalla fine ma fa vedere buone cose ed ha il 50% del merito nell’azione del terzo gol.

Mascara e Cribari – s.v.

Annunci
commenti
  1. chiara ha detto:

    ke grande striscione!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...